«La deputazione calabrese del Pd continua a fare da zerbino».Interrogazione parlamentare di Rampelli
CATANZARO • «No agli hot spot migranti in Calabria. Il Ministero dell’Interno riveda la distribuzione sul territorio nazionale. Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale in proposito ha presentato al Ministero una interrogazione a risposta scritta».E’ quanto dichiara Ernesto Rapani, coordinatore regionale di Fdi-An e capogruppo consiliare di Rossano.

 Nell’annunciare l’iniziativa firmata dal deputato Fabio Rampelli, il numero uno del partito della Meloni in Calabria, esprime anche tutta una serie di considerazioni di carattere politico.“Le scelte del Governo – scrive Rampelli nell’interrogazione presentata a Marco Minniti – in merito alla gestione del fenomeno immigrazione, suscitano profonda preoccupazione, in particolare per la ricaduta nelle regioni meridionali, già esposte all’emergenza a causa della loro posizione geografica e sulle quali si sta continuando a scaricare tutte le conseguenze degli sbarchi”. Il deputato di Fdi chiede al ministro dell’Interno “se non ritenga di rivedere la distribuzione sul territorio nazionale delle strutture destinate a funzionate come hotspot, al fine di non determinare situazioni di eccessivo affollamento e di criticità nelle regioni meridionali”.«Dopo le motivazioni di Rampelli – aggiunge Rapani – si consideri la vocazione turistica e peschereccia del porto di Corigliano, uno dei tre siti insieme a Reggio e Crotone, destinato ad ospitare un hotspot. Si consideri che c’è chi sta impegnando a fondo affinché a Corigliano attracchino le navi da crociera. Ma è evidente che i Governi nazionali e locali considerano questa terra come ruota di scorta, come sempre, come quando si voleva trasformare il porto in una piattaforma per la partenza dei rifiuti di mezzo meridione, tentativo peraltro sventato grazie ad una battaglia popolare».Rapani si chiede, quindi, se il governatore Oliverio, sia capace di tutelare quest’area della regione, ma anche se «il ministro calabrese Minniti, abbia un briciolo di rispetto per la sua terra d’origine, nonostante i probabili accordi politici che vogliono relegare la Calabria a ghetto».  Prima di aprire tre strutture allestite per identificare rapidamente, registrare, fotosegnalare e raccogliere le impronte digitali dei migranti, avanza Rapani «si pensi all’integrazione durante quei periodi in cui i migranti rimarranno in Italia, un po’ come accaduto in alcuni comuni dove sono stati impiegati ed occupati in lavori per la collettività».«Fdi-An è da sempre attenta alle problematiche sociali – conclude Ernesto Rapani – e per questo motivo abbiamo interessato Fabio Rampelli affinché presentasse l’interrogazione sul tema. Di certo, però, fa specie che chi governa, prono a capo chino, non chiede lumi ai propri rappresentanti. La deputazione del Pd, assente su tutti i grandi problemi che attanagliano questo territorio, dalla chiusura del Tribunale ai rifiuti, alla sanità, che fine ha fatto? Semplice, si ricordano di questo territorio solo in campagna elettorale».

 

 

Aggiungi commento

Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito:
I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati
VERRA' PUBBLICATO UN SOLO COMMENTO PER IP


Codice di sicurezza
Aggiorna

INVIA ARTICOLO

redazione@sibarinet.it

Crediti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro uso violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’amministratore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L’amministratore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’amministratore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Ogni forma di collaborazione si intende offerta e fornita a titolo gratuito.

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo