La soddisfazione di Fillea Cgil Castrovillari
La nostra è un’epoca di crisi economica grave e distruttiva, segnata anche da una profonda crisi culturale e dei valori, basti pensare alla precarizzazione del lavoro tramite leggi come il “jobs-act” o strumenti come i “voucher”, una cruda analisi che mette a nudo i nervi scoperti di una società, dove mancano le certezze, dove ogni giorno può succedere di trovarsi senza lavoro.

Questo quello che è successo ai lavoratori della V.M. srl di Oriolo, licenziati a luglio del 2016, che già da iscritti alla FILLEA CGIL hanno rivendicato nei confronti dell’azienda, ingenti differenze retributive dovute ad un inquadramento errato della loro figura professionale, rifiutando di accettare accordi presentati dall’azienda che tendevano a estromettere i lavoratori senza riconoscergli i diritti.
Una “normale” storia di diritti violati se così si può dire. La perdita del proprio ruolo sociale attivo che a volte a ripercussioni ed effetti negativi ancora maggiori. In questi casi non esiste un manuale di sopravvivenza è una situazione che si descrive solo con toni e aggettivi negativi, un evento terribile per la vita e la dignità di una persona e della sua famiglia, che genera paure e omologazione in un tessuto sociale già di per sé fragile.
E allora viene da chiedersi: farsi consumare dal dramma per la perdita del lavoro cadendo nel baratro della disoccupazione, diventando “scarti” di un mercato che tende al massimo profitto e non al riconoscimento di alcuni giusti e sacrosanti diritti a tutela dei lavoratori? Oppure rimboccarsi le maniche e fare tutto il necessario per far sì che i diritti siano rispettati!
La Camera del Lavoro CGIL di Trebisacce unitamente alla Fillea CGIL da anni seguono la vertenza della V.M. SRL senza nessuna disattenzione, insieme ai Lavoratori hanno scelto di percorrere la strada della dignità, sostenendo le battaglie dei lavoratori in un contesto difficile come quello di un piccolo paese dell’entroterra Calabrese, percorrendo tutte le fasi vertenziali legate prima alla rivendicazione del diritto ad un giusto salario in fabbrica e successivamente ai licenziamenti collettivi degli stessi fino ad oggi. Di fatti è di qualche giorno fa la notizia che il Giudice del Lavoro Dr.ssa Luigia Lambriola del foro di Castrovillari ha dichiarato illegittimi i licenziamenti intimati agli operai dalla società V.M. S.R.L condannando la società “Manifattura Oriolo” di nuova costituzione, alla reintegra degli operai con relativa condanna a pagare le retribuzioni dal giorno del licenziamento a quello della riassunzione.
La Camera del Lavoro CGIL e la FILLEA CGIL esprimo grande soddisfazione per l’esito della battaglia legale, seguita dagli Avv. Cairone Mariano del foro si Salerno e dall’Avv Giovanni Viscuso del foro di Catania, rimarcando con forza la necessità di una immediata risposta da parte della Proprietà in merito alle giuste richieste dei Lavoratori, ma soprattutto, richiedono l’immediata reintegra sul posto di Lavoro, che l’azienda nonostante l’ordinanza immediatamente esecutiva del Giudice del Lavoro si rifiuta arrogantemente di ottemperare. I lavoratori insieme al sindacato avvieranno da subito tutte le azioni necessarie affinché venga immediatamente ripristinata la legalità e si riprenda l’attività lavorativa.
 
FILLEA CGIL                                                     Camera del Lavoro CGIL
POLLINO – SIBARITIDE – TIRRENO                                                  Trebisacce
De Lorenzo Giuseppe                                                 Francesco Ventimiglia

 

 


Aggiungi commento

Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito:
I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati
VERRA' PUBBLICATO UN SOLO COMMENTO PER IP


Codice di sicurezza
Aggiorna

INVIA ARTICOLO

redazione@sibarinet.it

Crediti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro uso violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’amministratore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L’amministratore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’amministratore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Ogni forma di collaborazione si intende offerta e fornita a titolo gratuito.

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo