«Subito una riunioni con tutti i gruppi consilari dei comuni jonici per individuare il candidato»
ROSSANO – «Il nuovo presidente della Provincia di Cosenza sia espressione dello Jonio». Questo l’auspicio, ma anche il monito di Ernesto Rapani, capogruppo consiliare, nonché coordinatore regionale di Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale, in merito alla tornata elettorale di secondo grado che esprimerà il prossimo presidente dell’ente sovracomunale.

Rapani già in passato aveva avanzato questa ipotesi. Era uno dei suoi punti all’interno del programma elettorale e più volte, prima delle passate provinciali, aveva proposto che il presidente fosse espressione dell’area urbana Corigliano-Rossano, quindi dei comuni guida della Sibaritide che hanno da tempo avviato il processo di fusione. Soprattutto in virtù di questo percorso, oggi Rapani ripropone i concetti.

«Prima della scorsa tornata elettorale – e lo ricordiamo, votano primi cittadini e consiglieri comunali – avevo proposto di sostenere uno dei due sindaci di Corigliano o Rossano, ma tutti sappiamo com’è andata a finire: col sostegno dello Jonio a Cosenza quando, invece, quest’area aveva, ed ha, tutti i numeri, le capacità, le competenze per eleggere il presidente della Provincia. Era uno dei punti del progetto elettorale presentato alla città alle ultime amministrative rossanesi. Adesso che si tornerà al voto – dichiara Ernesto Rapani – inviterei ad evitare gli errori del passato. Questa è una terra martoriata, dimenticata, stuprata sadicamente da chi dispone nel capoluogo e ne teme lo sviluppo. Non possiamo più consentire che altrove decidano per noi. Per questo richiamo ad un atto di grande responsabilità tutti gli amministratori della fascia jonica cosentina, nei confronti dei nostri concittadini, stanchi, avviliti ogni giorno di più da vessazioni continue. Ci hanno strappato via brutalmente tutti i diritti: la sanità, la mobilità, la giustizia. Non possiamo più avallare questo disegno criminale nei confronti della fascia jonica e vivere col cappello in mano».

Rapani attinge da queste considerazioni, per presentare un’azione corale: «Siamo agli sgoccioli per la presentazione delle candidature. Propongo, dunque, un incontro urgente con tutti i responsabili di partito, movimenti e gruppi consiliari dell’area urbana e più in generale della fascia jonica, utile ad individuare un candidato unico sul quale far convergere le preferenze dei consigli comunali. In virtù del processo di fusione fra Corigliano e Rossano e di pianificazioni condivise come il Psa della Sibaritide, non possiamo farci sfuggire l’occasione. La “nascita” della terza città della Calabria dopo Reggio e poi Catanzaro (90mila abitanti), alla quale ci avvicineremo di molto, dovrà vantare il presidente della Provincia. Bando, dunque, ai pennacchi, ai campanili, alle sterili polemiche ed agli atavici pregiudizi: lo Jonio inizi ad avere maggior peso politico a tutti i livelli e sia artefice del proprio destino». 


Commenti   

+1 #1 tex willer 2017-01-03 14:22
Intanto si doveva procedere alla eliminazione delle Province, ma evidentemente non interessa, eliminare qualche poltroncina non piace evidentemente. La proposta sotto il profilo della convenienza territoriale è buona in sè, chissà se vedremo canditati nuovi proposti a tale incarico?
Citazione

Aggiungi commento

Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito:
I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati
VERRA' PUBBLICATO UN SOLO COMMENTO PER IP


Codice di sicurezza
Aggiorna

INVIA ARTICOLO

redazione@sibarinet.it

Crediti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro uso violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’amministratore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L’amministratore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’amministratore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Ogni forma di collaborazione si intende offerta e fornita a titolo gratuito.

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo