Sibari: approvata in Senato una risoluzione in favore del Parco Archeologico

Nencini (PSI): “Sibari tornera’ agli antichi splendori”. Il sindaco Papasso: “ attenzione anche per il sistema infrastrutturale e di collegamenti verso Sibari, risultato storico”.
La commissione cultura del Senato della Repubblica  ha votato stamani la Risoluzione sul Parco Archeologico di Sibari, approvandola all'unanimità, di cui relatore era stato il senatore socialista Riccardo Nencini. A darne comunicazione è con soddisfazione il Sindaco di Cassano All’Ionio Giovanni Papasso, adito dalla stessa Commissione del Senato lo scorso 18 dicembre, ed  a cui aveva chiaramente palesato l’urgenza di un intervento a tutela di un autentico patrimonio dell’umanità. La Commissione successivamente aveva, altresì, ascoltato il Direttore regionale per i beni culturali in Calabria.
Si tratta di una un atto importantissimo da parte della Commissione Cultura del Senato che premia lo sforzo comune del Senatore Nencini e del Sindaco di Cassano All’Ionio Gianni Papasso verso la presa di coscienza da parte delle Istituzioni del Paese di tale problematica.
La risoluzione approvata stamani dalla Commissione del Senato, infatti, impegna il Governo a garantire che il Parco archeologico possa tornare al più presto alle condizioni pre-alluvionali; ad intervenire in modo definitivo sugli argini del Crati per evitare che si possa riverificare una tale devastazione; assicurare la prosecuzione degli scavi ed a valorizzare debitamente il sito archeologico, potenziando le infrastrutture ad esso connesse tra cui i trasporti, onde consentire una facile raggiungibilità ed incentivare il turismo. A tale riguardo, la Commissione nella risoluzione approvata reputa indispensabile sollecitare l’ANAS, impegnata nei lavori di costruzione della statale ionica, a realizzare le opere compensative previste che consentiranno di collegare fra loro le due aree archeologiche favorendo la fruizione da parte dei visitatori.
"Oggi è stata vinta in Senato un importante battaglia in favore della Calabria. In VII Commissione "Cultura", infatti, è stata votata all'unanimità una risoluzione, di mia iniziativa - ha dichiarato il senatore Riccardo Nencini, Segretario del Psi -  con la quale si impegna   il Governo ad affrontare in modo risolutivo la questione aperta del Parco di Sibari, il secondo cantiere archeologico d'Italia per dimensione. "
"Con questo documento - ha sottolineato Nencini - la commissione chiede al Governo   di garantire il ripristino delle condizioni pre-alluvionali e di intervenire in modo definitivo sugli argini del Crati perché non si verifichi più una tale devastazione. Inoltre  si sollecita la prosecuzione degli scavi - fermi  al 10% delle   tre città sovrapposte individuate   - e di valorizzare il sito archeologico attraverso il potenziamento delle infrastrutture, tra cui i trasporti, per incentivare il turismo."
"Confidiamo in una rapida assunzione di responsabilità da parte dell'Esecutivo - ha concluso Nencini - restituendo splendore a quella che è stata una delle polis più famose del mondo antico. Significherebbe contribuire in modo significativo  alla crescita economica e sociale dell'area interessata se non della intera regione. Incoraggianti i 40 milioni di investimenti garantiti complessivamente da parte degli enti responsabili, come riferito in commissione dal Direttore regionale per i beni   culturali della Calabria."
Notevolmente soddisfatto il Sindaco di Cassano All’Ionio Giovanni Papasso, in prima linea sin da quel tragico 18 gennaio per salvare il sito archeologico dall’acqua e dal fango.
 “Sono felice per questa importante deliberazione da parte della Commissione cultura del Senato - ha commentato Papasso - sono convinto che ne potranno scaturire a breve azioni positive e concrete in favore del Parco Archeologico più vasto e importante della Regione Calabria".
“Ringrazio il Presidente della Commissione Cultura del Senato e tutti i Senatori  componenti della stessa– ha continuato - per la sensibilità mostrata verso la vicenda Parco Archeologico di Sibari – ha spiegato il Sindaco – così come ringrazio il Senatore Nencini che qualche settimana addietro era stato relatore proprio in Commissione del Senato della risoluzione inerente il Sito di Sibari. Assieme a lui abbiamo spiegato alla Commissione Cultura del Senato che  il Parco Archeologico di Sibari è patrimonio non solo del Comune di Cassano All’Ionio ma dell’Italia tutta. Una corretta valorizzazione del Parco potrebbe creare occasioni di sviluppo ed aiutare un corretto turismo culturale in quest’area ricco di storia e bellezze archeologiche. Confidiamo ora in un rapido intervento da parte del Governo del Paese nella risoluzione positiva del dramma Parco Archeologico di Sibari. Questo importante atto di oggi  - ha tenuto a ribadire il Sindaco – dice che la strada tracciata ci fa ben sperare in tal senso. Tuttavia,  vorrei sottolineare il elemento di novità di questa risoluzione. Infatti il Governo si impegna a valorizzare il Parco archeologico sollecitando la realizzazione di un adeguato sistema infrastrutturale (trasporti e vie di comunicazione)  per collegare Sibari al resto dell’Italia. Si tratta di un fatto positivo, direi storico che metterebbe in rete il sito di Sibari con l’Italia e l’Europa tutta”.
Cassano all’Ionio, lì 5 febbraio 2014

                                                                                  Ufficio Stampa del Sindaco – Il Portavoce

         

Stampa Email

Tartufo pollino, l’8 la firma del protocollo d’intesa

Castrovillari – Il Tartufo del Pollino valore aggiunto alla promozione dei nostri territori; occasione di sviluppo sostenibile per l’intera area; una delle carte autoctone da giocarsi per il prossimo futuro. Sono, queste, alcune delle premesse, al protocollo d’intesa che Sindaci, Parco del Pollino e Slow Food firmeranno a Castrovillari il prossimo SABATO 8 FEBBRAIO ALLE ORE 16, presso la SALA 8 del Protoconvento Francescano.  Castrovillari, Saracena, Morano Calabro, San Basile, Civita, Frascineto, Mormanno, Laino Borgo, Laino Castello, Acquaformosa, Lungro, Papasidero, la Condotta Sibaritide Pollino di Slow Food, le associazioni di categoria, il Parco Nazionale del Pollino, la Provincia Di Cosenza. Sono, questi, i soggetti che parteciperanno all’incontro volto a promuovere la ricerca del Tartufo del Pollino.  

C’è una base. L’indagine avviata dall’ARSAC di Castrovillari e l’Istituto di Genetica Vegetale del CNR di Perugia (IGV-PG) ha evidenziato, infatti, che nel territorio di ogni comune, alcune aree sono particolarmente vocate per il tartufo. È necessario – è questo l’obiettivo condiviso – uno studio più approfondito per una vera e propria mappatura.

L'evento è promosso dal Comune di Castrovillari e dal Parco del Pollino guidato da Mimmo PAPPATERRA, con la collaborazione della condotta Slow Food Sibaritide Pollino guidata dal Fiduciario Lenin MONTESANTO. - (Fonte: Montesanto Sas – Comunicazione & Lobbying).

Stampa Email

Saracena: Nuova biblioteca e pinacoteca comunali, in primavera l’apertura

Team di esperti a lavoro.
Continua la riqualificazione del centro storico e investimenti culturali come autentica strategia locale di sviluppo. L’edificio ex sede delle scuole elementari è stato destinato ad ospitare la nuova biblioteca e la pinacoteca comunali. Esperti in materia sono già a lavoro per catalogare l’importantissimo e prezioso patrimonio culturale e artistico del Paese del Moscato Passito. In Primavera, la consegna prevista dei lavori e della nuova infrastruttura alla comunità ed al territorio. A darne l’annuncio, nei giorni scorsi, è stato il Sindaco Mario Albino GAGLIARDI, in occasione della presentazione del libro “CONVENTI CHIESE E FIGLI DI S.DOMENICO DI CASSANO” curato dal professor Leonardo ALARIO.

“Il patrimonio culturale ed artistico della Biblioteca “GAETANO FORESTIERI” ed della Pinacoteca “ANDREA ALFANO”, istituite nel corso degli anni ’80, - dichiara il Primo Cittadino – e che ha consentito alle amministrazioni del tempo di organizzare eventi di particolare valenza culturale, nei successivi decenni è stato letteralmente lasciato in stato di abbandono. Anche l’immobile di proprietà pubblica, che ospitava libri e opere d’arte, è divenuto nel corso degli anni del tutto inagibile, per cui l’intero patrimonio è stato “depositato” in locali privati presi in affitto! Così come per altre situazioni (infrastrutture scolastiche e sportive), – continua il Sindaco – l’attuale amministrazione si è dovuta adoperare per riparare i danni e le devastazioni delle amministrazioni di sinistra che hanno retto le sorti del comune per ben tre legislature! Così è venuto il momento della Biblioteca e della Pinacoteca, destinate ad essere ospitate nei locali ubicati nella centralissima Piazza XX Settembre, già destinati ad edificio scolastico e resisi al momento disponibili, a seguito della realizzazione del Polo Unico Scolastico in Contrada San Filippo. Autorevoli esperti in materia – chiosa – si sono resi disponibili a collaborare con l’amministrazione comunale per procedere ai lavori di ristrutturazione dell’immobile, provvedendo a definire gli allestimenti e curare la catalogazione.
Si prevede di completare i predetti lavori entro la prossima Primavera, onde garantire la fruizione pubblica degli spazi museali in occasione degli eventi culturali estivi. Questa è la migliore risposta – conclude – alle solite e ormai stantie politiche del NO, comunque e a prescindere, attuate, purtroppo, da chi avrebbe il diritto – dovere di offrire spunti critici e, possibilmente propositivi, all’azione di governo dell’amministrazione”

Un altro servizio fruibile non solo dai concittadini di Saracena ma da tutto il comprensorio offrendo opportunità di ulteriori momenti di condivisione e crescita culturale, nell’ambito del circuito che l’amministrazione comunale, sin dal suo insediamento, ha inteso programmare e attuare: territorio, produzioni e ospitalità di qualità. – (Fonte: Montesanto Sas – Comunicazione & Lobbying).

Stampa Email

Castrovillri: Lo Polito e Sangineti: "L'Amministrazione aderisce in città alla giornata nazionale del Banco farmaceutico"

“Ancora un’esigenza d’espressione di volotà per testimoniare il proprio impegno a sostegno del disagio e del bisogno. Lo abbiamo deciso in queste ore, consci delle esigenze di tanti e , pure, nell’ambito di qull’azione che stiamo portando avanti come Comune, con altri, a tutela e potenziamento del diritto alla salute delle nostre popolazioni.
Ecco perché l’intenzione di affiancare e sostenere il prossimo 8 febbraio, anche nel capoluogo del Pollino,  la Fondazione  Banco Farmaceutico  nella XVI^ Giornata  nazionale di raccolta del farmaco che, con la Caritas ed altre organizzazioni, si muove anche quest’anno per andare incontro a chi non ha la possibilità di acquistare medicinali, mettendo a serio pericolo, così, la propria salute o dei congiunti.
Un impegno che deve vedere tutti i soggetti coinvolti e deve far pensare, rispetto agli ultimi dati circa una particolare flessione, pure in quest’ambito a causa della recessione che “infligge restrizioni” inattese    tra chi deve sostenere la propria salute con medicinali, terapie e controlli.
Per questo motivo l’obiettivo che ci prefiggiamo come ente è quello di scuotere le coscienze, richiamando ad una presenza fattiva ed a una maggiore solidarietà, in quel giorno e non solo, per un diritto che non può essere messo a rischio.
I volontari con gli appartenenti a questa amministrazione e consiliatura, ci permettiamo di affermare,  saranno a disposizione in città dinanzi alle farmacie, indicate dalle associazioni, per raccogliere e sollecitare a donare, confidando nel “cuore” dei castrovillaresi, che non è mai venuto meno in questi momenti di condivisione.
Ciascuno potrà acquistare e donare  medicinali da banco che andranno  a oltre 1.500 enti tra cui  la Caritas, Croce Rossa ed altri organismi i quali, a loro volta, li distribuiranno a persone bisognose.
Un’esigenza  che ci deve coinvolgere e non ci può far rimanere insensibili in un momento di forte difficoltà che ancora sta creando particolare disagio nelle fasce più deboli .”
Castrovillari 05 febbraio 2014

Il Vice Sindaco e Assessore                                           Il Sindaco
ai Servizi Sociali                                             f.to Domenico Lo Polito
f.to Carlo Sangineti

Stampa Email