Il 20 settembre chiuderà il distaccamento dei Vigili del fuoco di San Giovanni in Fiore, il comprensorio silano non avrà più una squadra di soccorso dei “Pompieri”, i cittadini dovranno nuovamente attendere l’arrivo dei soccorsi dalla città di Cosenza o di Crotone, a dare l’allarme è Bonaventura Ferri Segretario dell UIL dei Vigili del Fuoco di Cosenza.

Dopo tante difficoltà si è riusciti ad ottenere, per questa stagione estiva, l’attivazione di questo importantissimo presidio di soccorso, situato al centro di un comprensorio di primaria importanza ed attraversato da una delle più trafficate arterie stradali della regione: la SS 107. L’attivazione della squadra di soccorso, prosegue il sindacalista della UIL, ha confermato la necessità del potenziamento del servizio dei Vigili del Fuoco, ma ora, nuovamente, la caserma chiuderà i battenti in assenza di un intervento decisivo della classe politica locale per ottenere l’apertura permanente del servizio di soccorso ai cittadini. Non è migliore la situazione sul versante dello Ionio cosentino. La catastrofe atmosferica che si è abbattuta ad agosto, dichiara il Segretario Ferri, ha certificato che in casi simili, sul territorio, deve essere presente il numero massimo di soccorritori Vigilfuoco, soprattutto nell’immediatezza dell’evento, poichè proprio le prime ore sono le più importanti ai fini del soccorso. L’alluvione di agosto non è un caso isolato, infatti, a causa delle mutazioni del clima e della conformazione del territorio del basso Ionio cosentino, più volte all’anno, si verificano fenomeni alluvionali. A tutt’oggi al Porto di Corigliano vi è un immobile idoneo ad ospitare una squadra di Vigili del Fuoco, questo immobile già destinato ad una Caserma dei Pompieri è stato da poco ristrutturato e consegnato al Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Cosenza; a tal proposito sollecitiamo l’attivazione di un distaccamento di Vigili del Fuoco a Corigliano, in questo modo, in caso di necessità, i cittadini potranno contare su una squadra aggiuntiva di soccorritori. Dal territorio, da tempo, un gran numero di giovani si sono dichiarati disponibili per attivare, anche, una squadra di Vigili del Fuoco Volontari presso il Porto di Schiavonea; dopo l’ennesima e grave alluvione che ha interessato il territorio, questa disponibilità riveste un carattere di maggiore importanza per mettere in uso, da subito, un edificio pubblico ancora inutilizzato e, contemporaneamente, dare ai cittadini un servizio di soccorso migliore.


Aggiungi commento

Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito:
I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati
VERRA' PUBBLICATO UN SOLO COMMENTO PER IP


Codice di sicurezza
Aggiorna

INVIA ARTICOLO

redazione@sibarinet.it

Crediti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro uso violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’amministratore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L’amministratore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’amministratore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Ogni forma di collaborazione si intende offerta e fornita a titolo gratuito.

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo