Una situazione ancora drammatica. A Rossano è emergenza post-alluvionale di fatto da ben sei lunghissimi giorni. Ma ce ne vorranno altri dieci - e saranno anch’essi lunghissimi - perchè il Consiglio dei Ministri presieduto dal premier Matteo Renzi si riunisca per dichiararlo “di diritto”, vale a dire formalmente. E all’Istituzione-Comune, quella cui per prima su qualunque altra fanno riferimento i cittadini - e vi sono interi nuclei familiari colpiti che hanno subito danni materiali enormi - non resta che ringraziare con la devozione di sempre la Santissima Vergine Maria Achiropita Protettrice di Rossano, i cui solenni festeggiamenti religiosi si sono tenuti come ogni anno nel giorno di Ferragosto.


Proprio con questo religioso ringraziamento ha esordito, nella conferenza stampa tenutasi ieri mattina presso il Centro operativo misto attivato nello stadio comunale “Stefano Rizzo”, il sindaco Giuseppe Antoniotti.
Il primo cittadino è apparso energico e motivato: «Il nostro lido Sant’Angelo travolto dalla furia dell’alluvione, il nostro lungomare che era nuovo di zecca, bellissimo, risorgeranno perchè la città di Rossano vuole risorgere e saprà risorgere: lo Stato è presente e ci aiuterà».
Antoniotti ha ringraziato quanti in questi giorni hanno contribuito concretamente negli aiuti, ed è un elenco lunghissimo che incarna Istituzioni, organizzazioni sociali, il mondo della Chiesa presente col Pastore dell’Arcidiocesi rossanese, l’arcivescovo monsignor Giuseppe Satriano, e tanti, tantissimi cittadini di Rossano, dei comuni limitrofi, della Calabria intera.
Antoniotti ha voluto ringraziare tutte le autorità, le forze dell’ordine, le associazioni di volontariato, la Caritas diocesana e tutti coloro che finora non si sono risparmiati. «Abbiamo istituito il Centro operativo misto immediatamente, sin dalle prime segnalazioni, siamo stati vicini alle persone colpite e non ci siamo risparmiati; il Governo deve aiutarci, soprattutto per sostenere chi ha perso tutto». Il Comune ha già predisposto la modulistica per le richieste di risarcimento di quanti hanno subito i danni, precisando che il termine per la consegna della documentazione comprovante, fissato per domani, non è affatto perentorio.


Aggiungi commento

Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito:
I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati
VERRA' PUBBLICATO UN SOLO COMMENTO PER IP


Codice di sicurezza
Aggiorna

INVIA ARTICOLO

redazione@sibarinet.it

Crediti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro uso violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’amministratore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L’amministratore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’amministratore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Ogni forma di collaborazione si intende offerta e fornita a titolo gratuito.

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo