Concluse le 10 tappe frontali della IV rassegna “Il libro…mio amico”

Il 7 giugno a Mirto la Cerimonia di premiazione
CROSIA - In attesa della cerimonia di premiazione del prossimo 7 giugno, si sono concluse le 10 tappe frontali della quarta rassegna di sensibilizzazione e formazione alla lettura “Il libro…mio amico”. Un’iniziativa culturale pianificata dal sociologo e giornalista Antonio Iapichino, titolare dell’omonimo Studio di sociologia e comunicazione, nonché direttore del quotidiano online IonioNotizie.it. Un’azione svolta, prevalentemente in vari paesi del basso Jonio cosentino e della valle del Trionto. 

 

 

Un’attività finalizzata a dire ai bambini, ai ragazzi, ma anche agli adulti: “Perché leggere”. Nei vari incontri si è interagito con tanti alunni. È emerso che si legge poco. I ragazzi, definiti nativi digitali, preferiscono i nuovi strumenti tecnologici. Eppure, il libro, nonostante poco considerato dai più, continua ad avere il suo fascino. A garantire un’opportunità di crescita, offrendo al lettore l’opportunità di potersi emozionare e vivere, seppur solo con la fantasia, piacevoli momenti di sano rilassamento. Il primo appuntamento della rassegna 2018 ha avuto luogo a Longobucco dove protagonisti sono stati gli studenti della scuola secondaria di primo grado (plessi di Longobucco e Destro) del locale Istituto Omnicomprensivo, quindi l’attività successiva è stata realizzata a Bocchigliero con i ragazzi della scuola secondaria di primo grado e dell’Istituto superiore; il terzo incontro è stato realizzato presso la Biblioteca diocesana di Rossano Centro, con la partecipazione di vari ospiti, fra cui il direttore di Tele Radio Padre Pio, Stefano Campanella, Fr. Nicola Monopoli di San Giovanni Rotondo e l’autrice Angioletta Parrilla. Si è proseguito con l’appuntamento di Cropalati, coinvolgendo gli alunni del Comprensivo cittadino. A seguire un’iniziativa ha avuto luogo presso l’Istituto di istruzione secondaria Itas-Itc di Rossano, quindi, successivamente presso la Scuola secondaria di I grado di Pietrapaola, a cui hanno preso parte anche gli alunni della scuola primaria. Nei giorni successivi altre due tappe hanno riguardato la città bizantina: presso l’Istituto Industriale e l’Istituto Alberghiero, a cui hanno preso parte anche gli studenti dell’Istituto tecnico Agrario. Ci si è spostati, poi a Bisignano presso l’Iti e Liceo Scientifico “Enzo Siciliano”. L’ultima tappa frontale è stata realizzata con l’Istituto tecnico industriale e l’Istituto tecnico per geometra di Corigliano. Ogni tappa, attraverso un’apposita giuria, ha avuto una classe vincitrice, oppure un gruppo di classi. Il prossimo 7 giugno presso il Palateatro comunale di Mirto Crosia, con la partecipazione attiva dei dipendenti comunali del Comune di ionico, verranno premiate la classi vincitrici delle singole tappe, con una targa d’argento del maestro orafo Domenico Tordo. 

L’iniziativa dello Studio di sociologia Iapichino di Mirto Crosia è stata organizzata in partenariato la Sois, Società italiana di sociologia della Sezione Calabria, l’Age, Associazione genitori – sezione Jonio cosentino, con la collaborazione dell’Autoscuola “La Tecnica” Delegazione Aci - Agenzia Boccuti, “Il Bottino”, Enoteca…storie di vino, uomini e territori, Vision Ottica Scorpiniti, orafo Domenico Tordo, Estratech di Celestina Straface, Vulcano Assicurazioni, strutture operanti a Mirto Crosia. Hanno patrocinato l’evento L’Assessorato alla Pubblica istruzione dei Comuni di Bocchigliero, Cropalati, Crosia, Longobucco, e Pietrapaola e l’Istituto Istruzione Superiore Ipsia – Iti – Itg Nicholas Green di Corigliano C., l’Istituto Comprensivo Cropalati – Caloveto – Paludi, l’Istituto di Istruzione Superiore Itas – Itc di Rossano, l’Istituto di Istruzione Superiore Itis – Liceo Scientifico di Bisignano, l’Istituto di Istruzione Superiore Iti – Ita – Ipa di Rossano, Media partner dell’evento il quotidiano on line IonioNotizie.it. Soddisfazione per l’ottima riuscita della rassegna è stata espressa dal promotore dell’iniziativa. Anche quest’anno – ha riferito il dottore Iapichino – abbiamo avuto modo di interoquire con un elevato numero di ragazzi su una tematica che è da prendere nella massima considerazione per la crescita socio culturale della comunità attuale e futura.
   

 

Stampa Email

Aggiungi commento

Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito:
I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati
VERRA' PUBBLICATO UN SOLO COMMENTO PER IP


Codice di sicurezza
Aggiorna