Intervento dell’Artista nella puntata di “Nemo”, andata in onda su RAI 2 ieri sera
L’Associazione “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106” con il suo Presidente Fabio Pugliese, il Vice Presidente Giovani Buono, i componenti del Consiglio Direttivo, tutti gli iscritti e molte delle tante, troppe Famiglie che hanno perso i loro cari sulla S.S.106 RINGRAZIANO la persona, l’uomo e l’artista Piero Pelù, per aver rappresentato nella trasmissione “Nemo”, andata ieri in onda su RAI2, il pensiero di migliaia e migliaia di calabresi.

 
L’Associazione ricorda l’adesione di Piero al gruppo facebook “Basta Vittime Sulla S.S.106” nel 2014, con Immacolata Lentini, Presidente dell’Associazione “Amici di Danilo” e sorella di Danilo Lentini, vittima della S.S.106 a soli 27 anni in località Sant’Anna ad Isola di Capo Rizzuto in provincia di Crotone.
 
L’Associazione, soprattutto, ringrazia Piero Pelù per aver ricordato al Paese, attraverso la rete pubblica nazionale, la famigerata e tristemente nota “strada della morte”: la più grande strage di Stato della Storia della Repubblica Italiana, l’unica vergogna di Stato dimenticata da i media nazionali.
 
Piero Pelù è intervenuto nell’ambito della trasmissione parlando del Ponte di Calatrava, a margine di un servizio che dovrebbe far riflettere tutti i calabresi, ha dichiarato «paradossale un’opera così faraonica, l’ennesima cattedrale nel deserto» e continua «paradossalmente è un insulto alla bellezza stessa, perché la bellezza sta nelle persone e non nelle cose. Nell’anima. L’anima di un popolo sono le persone e non sono solo gli oggetti che li rappresentano».
 
Piero Pelù conclude con un pensiero molto forte sulla “strada della morte” affermando «io conosco molto bene la Calabria, ci vado da tanti anni, ho molti amici, amo quella terra e conosco, ad esempio, una strada terribile che si chiama “Statale 106” che va da Reggio Calabria a Taranto dove ogni anno, purtroppo, si registrano decine e decine di morti. Ecco, anche quello sarebbe stato un investimento intelligente da parte delle autorità».
 
L’Associazione, infine, evidenzia con grande piacere l’attaccamento di Piero Pelù alla Calabria che si è dimostrato chiaramente con le affermazioni sulla “strada della morte” ineccepibili e rappresentative di un pensiero che la stragrande maggioranza del popolo calabrese condivide dal momento che aspetta dal ventennio fascista l’ammodernamento della strada Statale 106.
 
ANCORA GRAZIE A PIERO...UNO DI NOI SULLA STATALE 106
#bastavittime106
 
 
Associazione “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106” – 14 Aprile 2018 

 


Aggiungi commento

Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito:
I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati
VERRA' PUBBLICATO UN SOLO COMMENTO PER IP


Codice di sicurezza
Aggiorna

INVIA ARTICOLO

redazione@sibarinet.it

 

Crediti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro uso violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’amministratore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L’amministratore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’amministratore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Ogni forma di collaborazione si intende offerta e fornita a titolo gratuito.

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo