Educare alla sicurezza stradale partendo dai banchi della scuola. E’ con questo obiettivo che l’amministrazione comunale guidata dal sindaco Paolo Montalti ha inteso investire i fondi del Piano Nazionale sulla Sicurezza Stradale in un progetto di Educazione Stradale affidato all’Associazione “Giovani Responsabili” di Crotone che lo hanno presentato nei giorni scorsi presso il Pala-Congressi del Centro Polivalente dello Scalo.

 Così, oltre 150 studenti dell’Istituto Comprensivo “Giovanni Pascoli” dislocati nei Plessi Scolastici di Villapiana e Plataci parteciperanno fino alla fine di gennaio al “Progetto di Educazione Stradale”. Ai ragazzi verranno illustrate le regole comportamentali da tenere alla guida di un mezzo di locomozione, a partire dal ciclomotore e fino alla vettura. Attraverso lezioni teoriche e video sarà illustrata l’importanza di rispettare i limiti di velocità, di indossare le cinture di sicurezza, di assicurare i più piccoli ai seggiolini, di indossare caschi protettivi omologati. Il tema portante del Corso sarà l’assoluto divieto di distrarsi alla guida con l’uso, ormai vietato per legge, del telefonino e con un’attenzione particolare ai cosiddetti “utenti deboli”, ovvero i pedoni e i ciclisti che spesso risultano essere i più indisciplinati, rivelandosi un pericolo per sé stessi e per gli altri utenti della strada. Saranno inoltre somministrate nozioni di Pronto Soccorso e, con un occhio attento alle “stragi del sabato sera” che presentano dati sempre più allarmanti, saranno impartite lezioni sul divieto assoluto di mettersi alla guida in stato di ebbrezza, o dopo aver assunto sostanze stupefacenti e/o psicotrope. «L’iniziativa – ha assicurato il presidente dell’Associazione “Giovani Responsabili” Fabio Bruno Pisciuneri – permette di entrare in maniera dirompente tra i banchi di scuola consentendo ai giovanissimi, attraverso i professionisti della sicurezza stradale, di comprendere meglio alcune dinamiche legate alle regole di comportamento alla guida e più in generale di mettere alla base di tutto il rispetto per l’incolumità degli altri». Concetto ribadito dal sindaco Paolo Montanti il quale, ricordando la pericolosità della S.S. 106 che non ha risparmiato vite umane di Villapiana, si è detto convinto che «l’iniziativa è tesa a formare e ad informare i giovanissimi su quelli che sono i comportamenti responsabili da tenere alla guida sulle nostre strade. I nostri giovani, – ha concluso il primo cittadino - grazie a questo virtuoso progetto possono diventare ‘vigilanti attivi’ mentre sono in auto con i propri genitori e ne possono correggere gli errori, o addirittura richiamarli se si accorgono che la loro soglia di attenzione si abbassa oltre i limiti».Pino La Rocca
 

 


Aggiungi commento

Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito:
I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati
VERRA' PUBBLICATO UN SOLO COMMENTO PER IP


Codice di sicurezza
Aggiorna

INVIA ARTICOLO

redazione@sibarinet.it

Crediti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro uso violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’amministratore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L’amministratore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’amministratore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Ogni forma di collaborazione si intende offerta e fornita a titolo gratuito.

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo