Nuove Politiche Sociali sul territorio

ALTO JONIO - Politiche Sociali sul territorio: rovesciare il paradigma delle priorità e invece di programmare le attività partendo dalla Regione, passando per i Comuni e finendo agli assistiti, bisogna capovolgere il sistema mettendo al primo posto i bisogni reali dell’utenza, monitorarli da parte dei Comuni e, attraverso i nuovi Piani di Zona, chiedere all’Asp e alla Regione che se facciano carico ognuna per la propria parte di competenze. 

E’ quanto hanno sostenuto all’unisono l’assessore regionale al Welfare e alle Politiche Sociali Federica Roccisano e l’on. Giuseppe Aieta presidente della I^ Commissione Regionale “Bilancio e Programmazione” nel corso dell’incontro promosso dal comune di Trebisacce-Assessorato alle Politiche Sociali diretto dall’assessore e vice-sindaco Giulia Accattato e svoltosi nella cittadina jonica quale comune capo-fila del Distretto Socio-Sanitario di Trebisacce alla presenza di sindaci, amministratori dell’Alto Jonio e rappresentanti del “Terzo Settore” costituito dagli enti e dalle associazioni che a vario titolo si occupano di Politiche Sociali. All’incontro, introdotto e moderato dal sindaco di casa Francesco Mundo, hanno preso parte gran parte dei sindaci e degli amministratori dell’Alto Jonio tra cui il sindaco di Cassano Jonio Gianni Papasso e inoltre il Direttore del Distretto Socio-Sanitario Jonio-Nord Nicola Tridico, la dr.ssa Carmela Vitale Dirigente delle Politiche Sociali del Comune di Trebisacce che dovrà materialmente coordinare le attività per la redazione del Piano di Zona relativo all’Alto Jonio, numerosi rappresentanti del Terzo Settore e tanti comuni cittadini e utenti dei Servizi Sociali, tutti interessati a conoscere le novità introdotte nelle Politiche Sociali dalla Delibera n. 449 adottata nel novembre 2016 dalla Giunta Regionale targata Oliverio. Una Delibera che praticamente rende effettivamente operativo il disposto della Legge Regionale n. 23 del 2003 riorganizzando l’assetto istituzionale del sistema integrato degli interventi in materia di Politiche Sociali, riconoscendo ed esaltando finalmente il ruolo dei Comuni quali soggetti programmatori dei Servizi Sociali in base ai reali bisogni della gente e degli aventi-diritto. «Con le nuove disposizioni – ha concluso l’assessore Roccisano dopo un intenso dibattito e invitando tutti a privilegiare il gioco di squadra – viene riconosciuta e premiata la centralità delle comunità locali, delle famiglie e delle organizzazioni sociali ognuna per le proprie competenze e responsabilità al fine di promuovere il miglioramento della qualità della vita e delle relazioni sociali».Pino La Rocca

 

Stampa Email

Aggiungi commento

Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito:
I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati
VERRA' PUBBLICATO UN SOLO COMMENTO PER IP


Codice di sicurezza
Aggiorna