Amendolara: si aggrava l'emergenza idrica

Si aggrava, col passare dei giorni e con la perdurante siccità, l’emergenza idrica che per la verità interessa quasi tutti i paesi dell’Alto Jonio, sia quelli alimentati dall’acquedotto dell’Eiano (Cassano, Francavilla, Cerchiara, Villapiana, Trebisacce, Amendolara e Roseto) che quelli montani alimentati dall’acquedotto del Frida.

 Ma ad Amendolara il problema si è rivelato più grave tanto da dover ricorrere al razionamento del prezioso liquido anche perché, a causa della vetustà della rete idrica cittadina, finora ci sono state varie rotture e conseguenti interruzioni. Ma adesso il problema si è aggravato tanto che il primo ha dovuto “avvisare” i cittadini del Paese e della Marina che, «a causa dell’ulteriore riduzione dell’approvvigionamento idrico da parte della SORICAL, la società che ne gestisce il servizio, - si legge nella comunicazione del sindaco Ciminelli - a partire da oggi sabato 15 luglio e fino a data da destinarsi, l’erogazione dell'acqua sarà sospesa dalle ore 14,00 alle 16,00 e dalle ore 23,00 alle 6,00. Nel volerci scusare per il disagio, comunque già preannunciato nei giorni scorsi con pubblico manifesto, - ha aggiunto il sindaco invitando tutti ad un consumo parsimonioso dell’acqua - ribadiamo che il disservizio, seppur determinato dalla grave siccità che sta colpendo l’intero meridione, é certamente acuito dai comportamenti di quei cittadini che fanno un pessimo uso dell'acqua. Fenomeno, questo, che nei prossimi giorni ci impegniamo a contrastare in tutti i modi».

Pino La Rocca

 

Stampa Email

Aggiungi commento

Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito:
I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati
VERRA' PUBBLICATO UN SOLO COMMENTO PER IP


Codice di sicurezza
Aggiorna