Alto Jonio: “Terre degli Enotri” procede speditamente

 Procede speditamente, anche senza eccessivi clamori, il cammino del grande progetto intercomunale di turismo integrato “Terre degli Enotri” redatto dalla società internazionale “Altamura Ospitality Group” di Padova, a cui hanno aderito nove comuni montani e costieri dell’Alto Jonio (Albidona, Alessandria del Carretto, Amendolara, Cerchiara di Calabria, Francavilla Marittima, Plataci, San Lorenzo Bellizzi, Trebisacce e Villapiana) che hanno già sottoscritto il relativo protocollo d’intesa e che vede quale comune capo-fila Villapiana. 

E’ stato proprio il sindaco di Villapiana Paolo Montalti, a cui si deve il merito di aver dato il via a questo grande progetto destinato a movimentare risorse pubbliche e private che possono arrivare fino a circa 100milioni di euro, a fare il punto sullo stato dell’arte del progetto che, come è noto, dopo aver incamerato il gradimento del presidente Mario Oliverio, dei Sottosegretari Antonio Gentile e Dorina Bianchi e dei funzionari del Ministero dello Sviluppo Economico, è all’attenzione di Invitalia, l’agenzia nazionale del Ministero che, prima di ammetterlo a finanziamento, vuole esaminare con il necessario rigore la sostenibilità economica del progetto e l’affidabilità degli imprenditori privati che si sono proposti per creare questa virtuosa sinergia tra pubblico e privato. Dopo aver spiegato i motivi della naturale riservatezza che accompagna la progettazione e l’evoluzione procedurale della stessa, dovuta alla compresenza di interessi privati che necessitano della dovuta “privacy”, ed aver chiarito che l’intero finanziamento prevede il 45% a fondo perduto, il 20/30% a tasso agevolato e la rimanente quota a carico degli imprenditori privati, ha comunicato che lunedì prossimo, 19 giugno, presso la sede di Invitalia a Roma, ci sarà un ulteriore step della procedura e precisamente l’incontro dei funzionari di Invitalia con gli imprenditori privati tra cui figurano, come è noto, la società internazionale norvegese “FS Marine spa” che costruisce porti turistici e pontoni galleggianti in tutto il mondo e che, secondo il progetto, dovrà realizzare il porticciolo turistico di Trebisacce e il Centro Velico di Villapiana e l’imprenditore “nostrano” dottor Rocco Carlomagno che si è impegnato a realizzare un grande insediamento turistico-alberghiero nella Piana di Cerchiara.

Pino La Rocca

 

Stampa Email

Aggiungi commento

Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito:
I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati
VERRA' PUBBLICATO UN SOLO COMMENTO PER IP


Codice di sicurezza
Aggiorna