Alessandria del Carretto: danni a causa del maltempo

Purtroppo l’allerta-meteo comunicata ai sindaci dalla Protezione Civile regionale non ha impedito che nel territorio comunale le piogge torrenziali dei giorni scorsi provocassero i soliti danni e mettessero in crisi ancora una volta quei pochi contadini che malgrado tutto, resistono ancora nelle campagne. Sulla strada Provinciale che collega il paese ad Albidona ed alla 106, la Provincia è intervenuta con la solita solerzia e liberato subito la carreggiata. Il problema grave si è invece ripetuto nelle strade interpoderali impedendo ai contadini di svolgere tutte le operazioni quotidiane sia per i lavori nei campi sia per accudire gli animali. Lavori a cui non può certo provvedere il comune che, come ha dichiarato il solerte sindaco Vincenzo Gaudio, non dispone delle risorse, né umane né economiche, necessarie per affrontare l’emergenza. «Piuttosto che mandare fax con l’allerta-meteo – ha detto Gaudio tra il serio ed il faceto – la Protezione Civile provvedesse all’invio di una ruspa. Sarebbe molto più gradita».
     Pino La Rocca

Stampa Email

Carabinieri Cosenza: operazione antimafia “Vulpes”

Nelle prime ore di oggi 20 novembre 2013 i Carabinieri del Comando Provinciale di Cosenza e del ROS hanno dato esecuzione a provvedimenti di fermo nei confronti di cinque persone ritenute responsabili a vario titolo di associazione per delinquere di tipo mafioso, estorsione, danneggiamento seguito da incendio, detenzione e porto illegale di armi, favoreggiamento personale e procurata inosservanza di pena.
I provvedimenti, emessi sulla scorta delle indagini coordinate dal Procuratore LOMBARDO, dal Procuratore Aggiunto BORRELLI e dai Sostituti Procuratori LUBERTO e BRUNI e condotte dal Reparto Operativo e dal ROS, riguardano attività avviate nel 2009 che hanno consentito di ricostruire l’organigramma della cosca “LANZINO”, operante in Cosenza e provincia, capeggiata dall’allora latitante, LANZINO Ettore, catturato dai reparti operanti in Rende il 16.11.2012, unitamente ai favoreggiatori DI PUPPO Umberto e MAZZULLA Renato, quest’ultimo “vivandiere” del latitante.
Successivamente all’arresto del LANZINO le indagini sono state incentrate sull’identificazione dei sodali che avevano protetto e garantito la sua latitanza nonché sulla endemica operatività criminale della cosca finalizzata allo sfruttamento delle risorse economiche del territorio mediante la sistematica perpetrazione di estorsioni in danno di imprenditori.
L’attività ha permesso di documentare numerosi episodi estorsivi, consumati e tentati, nonché alcuni danneggiamenti seguiti da incendio, effettuati nel medesimo contesto a scopo intimidatorio in danno di operatori economici.
I particolari dell’operazione saranno resi noti nel corso di una conferenza stampa che sarà tenuta presso il Comando Provinciale Carabinieri di Cosenza alle ore 10:30 odierne.

In manette sono finiti: Adolfo D'Ambrosio, Francesco Cotabile, Alberto Superbo e Mario Potestio

Stampa Email

Cassano: tre arresti per droga, sequestrati oltre due chili di droga

Stamani, 19 novembre 2013, a Cassano i carabinieri della locale Tenenza hanno eseguito tre ordinanze di custodia cautelare in carcere, emesse in data 18 nov u.s. su richiesta della Procura della Repubblica di Castrovillari dal Gip presso quel tribunale, che concordava pienamente con le risultanze investigative conseguite, nei confronti dei sottonotati soggetti, accusati a vario titolo di detenzione illecita finalizzata alla vendita di sostanza stupefacente:
1. Milito Rocco, 41enne di Cassano coniugato, commerciante,  pregiudicato, tradotto presso la casa circondariale di Castrovillari;
2.  Tarantino Vincenzo, 29enne di Cassano convivente, nullafacente, pregiudicato, tradotto presso la casa circondariale di Castrovillari;
3.  Cirullo Irene, 21enne di Cassano , convivente, nullafacente, tradotta gli arresti domiciliari presso la proria abitazione.

I carabinieri avevano effettuato numerosi e prolungati servizi di osservazione in  località Franceschiello, considerata una importante piazza di spaccio al dettaglio, nel corso della quale avevano accertato la vendita di stupefacente riscontrando anche due cessioni di droga.  L’attivita’ aveva inoltre consentito di rinveire alcuni depositi, utilizzati dal Milito e dal Tarantino, di piu’ di 2  kg di stupefacente sotterrato in un  terreno incolto:
nr. 14  panetti di hashish del peso complessivo di 1,4 kg;
nr. 1 sacchetto in plastica contenente 310 grammi di cocaina;
nr. 1 panetto di eroina del peso complessivo di 300  grammi;
nr. 1 bilancino elettronico di precisione.
Le successive perquisizioni eseguite dai carabinieri avevano anche consentito di rinvenire, celati in un anfratto di un muretto in area comunale:
nr. 6 involucri termosigillati contenenti circa 30 grammi di hashish,
nr. 3 involucri contenenti complessivamente circa 0,50 grammi di eroina;
detenuti dai due uomini in concorso con la Cirullo.

Stampa Email

Cassano: la Giunta municipale ha chiesto lo stato di calamità naturale sul territorio comunale

La delibera adottata a seguito dei danni verificatisi a seguito delle forti piogge degli scorsi giorni.
La Giunta municipale di Cassano All’Ionio, riunitasi stamani sotto la presidenza del Sindaco Giovanni Papasso, dopo le violente precipitazioni atmosferiche dei giorni scorsi e sulla scorta di una prima sommaria stima dei danni, ha deliberato la richiesta per il riconoscimento dello stato di calamità naturale nel territorio di Cassano All’Ionio.
L’Organo esecutivo comunale,  considerato che nelle giornate del 15 e 16 novembre scorsi, sul territorio di Cassano All’Ionio, si sono abbattute delle intense precipitazioni temporalesche che hanno reso necessari interventi urgenti volti a mettere in sicurezza cose e persone ovvero ad interdire l’accesso, per motivi di sicurezza, alle porzioni di aree del territorio comunale la cui consistenza sia stata alterata dalla eccezionalità delle avversità atmosferiche ovvero a ripristinare le strutture laddove siano state  compromesse definitivamente, ha per l’appunto proceduto a richiedere alla Regione Calabria il riconoscimento del territorio di Cassano Allo Ionio tra le aree particolarmente colpite dalle avversità naturali, e l’adozione di tutti i provvedimenti intesi a promuovere la dichiarazione di calamità naturale da parte dei competenti organi dello Stato.
Del resto i danni causati dalle eccezionali precipitazioni degli scorsi 15 e 16 Novembre risultano alquanto ingenti, in primis  alla rete stradale interpoderale. Smottamenti significativi si sono, poi, verificati su tutto il territorio comunale, provocando interruzioni alla rete idrica e dell’energia elettrica. Allagamenti si sono poi verificati in Contrada Tre Ponti di Sibari. Altri disagi si sono poi verificati nella stessa frazione cassanese di Sibari, con interruzione sulla fornitura di energia elettrica a causa di danneggiamenti sulla rete elettrica. A chiudere la lista dei gravi disagi verificatisi a causa del maltempo nel territorio di Cassano Allo Ionio  è stato lo straripamento del fiume Eiano   con      danni alle coltivazioni. Addirittura in alcuni tratti lo stesso fiume ha subito lo sgretolamento dell’argine. In località Tre Ponti, poi, a causa dell’allagamento in prossimità di alcune abitazioni, il Sindaco ha dovuto emettere ordinanza per l’evacuazione di 9 nuclei familiari. Attivato immediatamente anche il C.O.C (Centro Operativo Comunale), che ha monitorato costantemente la situazione, coordinando i vari interventi sul territorio.
“Si tratta – ha spiegato lo stesso Sindaco di Cassano All’Ionio Giovanni Papasso – di una delibera significativa, in quanto il nostro territorio ha subito notevoli danni per l’eccezionale ondata di maltempo che ha colpito la Sibaritide nei giorni scorsi. Disagi ai beni pubblici, ad alcune abitazioni private, ma anche alle coltivazioni. In alcune fattorie, addirittura, taluni hanno subito la perdita di capi di bestiame. Siamo intervenuti tempestivamente, anzi  colgo l’occasione per sottolineare che già nella nottata del 15 novembre la macchina comunale si è messa subito in modo per cercare di porre rimedio ad una situazione assolutamente straordinaria e non prevedibile e d ha fornito risposte concrete ai tanti cittadini in difficoltà.  In particolare voglio evidenziare lo spirito di abnegazione dei tecnici comunali allertati, il corpo della Polizia Municipale che con spirito di servizi, assieme al sottoscritto, hanno percorso in lungo e in largo il territorio con la protezione civile, i tecnici del Consorzio di bonifica, della Provincia ed ai Vigili del Fuoco. A tutti questi soggetti va rivolto un riconoscimento per l’opera svolta. Davanti a questi fenomeni, giunti dopo un periodo di scarse precipitazioni, si può fare poco per prevenire, poiché si mettono in moto fattori che rendono l’evento incontrollabile.
Da qui, soprattutto in considerazione degli ingenti danni verificatisi sul territorio, la deliberazione della Giunta municipale di stamani, con la quale, oltre a chiedere lo stato di calamità naturale, abbiamo provveduto a richiedere anche contributi finalizzati al ripristino dei beni pubblici danneggiati in modo da garantire la ripresa della circolazione stradale e pedonale, nonché al fine di consentire ai già deboli soggetti del mondo agricolo, di usufruire dei benefici della normativa regionale e nazionale”. 
Cassano all’Ionio, lì 18 novembre 2013
                                                                                            Ufficio Stampa del Sindaco
                                                                                                         Portavoce

Stampa Email

Rossano: aggressione Di Salvo, solidarietà dall'Amministrazione Comunale

Personale comunale ancora bersaglio di aggressione. È inammissibile e ingiustificabile pensare di risolvere qualsiasi tipo di situazione o problematica con la violenza. Ed è ancor più intollerabile ricorrere ad azioni di sfregio nei confronti di Amministratori, Dirigenti e personale comunale, andando a ledere anche e soprattutto l’immagine complessiva della Città.

Stampa Email