CORIGLIANO - A seguito del comunicato stampa diramato in data  07 settembre 2015 da questo Comando e di quanto conseguentemente riportato su una nota testata giornalistica, si ritiene opportuno fornire alcuni, importanti elementi di chiarimento e puntualizzazioni con riferimento alle osservazioni mosse da una nota testata giornalistica in merito all’operato di questa Capitaneria di porto.


Ci si riferisce ad un articolo, apparso lo scorso 8 settembre su un noto quotidiano locale, il cui titolo sembra voler sottolineare la presunta intempestività - e di conseguenza l’asserita inutilità - dell’attività ispettiva e di controllo sui depuratori della parte jonica della Provincia di Cosenza.
Tale attività, infatti, non può dirsi in alcun modo intempestiva: essa, infatti, è svolta lungo tutto l’arco dell’anno solare, come peraltro dimostrato da altri sequestri, anch’essi documentati da articoli di stampa e che sono stati effettuati in periodi diversi e precedenti l’attuale stagione estiva, ormai prossima al termine.
Ad ogni modo, anche a prescindere dalla sua collocazione temporale, tale attività non è mai INUTILE. Ed invero, il sequestro è un provvedimento consequenziale ad una più ampia attività di polizia giudiziaria la cui finalità, è bene ricordarlo, è l’accertamento dei fatti costituenti reato (in tal caso si tratta di fattispecie particolarmente gravi in quanto danneggiano l’ambiente), nonché le relative responsabilità.
Peraltro, proprio per effetto di questo suo precipuo scopo, l’attività di polizia giudiziaria, per quanto precisa e ben condotta, non determina, di per sé, il miglioramento delle condizioni ambientali del mare. Ed è proprio per questo che definire intempestiva tale attività dell’attività non è soltanto improprio, ma risulta, in fin dei conti, distorsivo dell’informazione offerta all’utenza, perché ingenera una non esatta rappresentazione della realtà.
Oltre quanto su evidenziato, preme sottolineare un altro aspetto  non di poco momento e che riposa sulla minuziosa attività di prevenzione messa in campo da questa Capitaneria attraverso l’opera di sensibilizzazione della collettività e, a livello, istituzionale, a mezzo dei diversi tavoli tecnici permanenti costituiti di concerto con le rispettive Amministrazioni comunali ricadenti nell’ambito di questo Compartimento marittimo. Orbene, fin dallo scorso autunno, al centro di questi “tavoli tecnici” sono stati messi argomenti sensibili e di massima importanza, tra cui la sicurezza delle attività balneari e il richiamo, purtroppo seguito appieno solo da alcuni dei Comuni interessati, al rispetto delle regole che presiedono la corretta gestione di ogni attività che coinvolga l’ambiente marino.
  


Aggiungi commento

Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito:
I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati
VERRA' PUBBLICATO UN SOLO COMMENTO PER IP


Codice di sicurezza
Aggiorna

INVIA ARTICOLO

redazione@sibarinet.it

Crediti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro uso violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’amministratore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L’amministratore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’amministratore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Ogni forma di collaborazione si intende offerta e fornita a titolo gratuito.

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo