Cresce lo stato confusionale in Legambiente

Nessuna intimidazione, ma atto di autotutela
SCALA COELI - Nessun’altra discarica sarà realizzata a Scala Coeli, ma è in atto una legittima richiesta di ampliamento dell’esistente. Legambiente è confusa, manifesta segnali di scarsa conoscenza in un settore che, al contrario, richiede studio, specifica cognizione di dati, riscontri, supporti tecnico-scientifici, nozione. In assenza, si rischia di cadere in figuracce in cui un’associazione dalle nobili tradizioni storiche non può incorrere.

 

La società Bieco respinge con fermezza il maldestro tentativo di tradurre in atto di intimidazione quella che è da ritenere un’azione di necessaria autotutela all’immagine dell’azienda e alla onorabilità e dignità delle persone che la compongono. Non si possono accettare le accuse prospettate nel tempo di disastro ambientale e di procurato allarme. Si tratta della configurazione di gravi reati verso i quali non si può far finta di nulla, altro che lesione al diritto di esercitare le libertà di critica o di denuncia.Legambiente disconosce poi, volutamente, che la discarica è regolarmente autorizzata, non abusiva, pertanto rigorosamente controllata e sottoposta a verifica da organismi dello Stato, così da garantire la tutela delle aree a vocazione agricola, delle acque e del mare, della biodiversità, della flora e della fauna.In discarica, sia ben chiaro, non sono mai stati abbancati rifiuti solidi urbani, in particolare tal quale, in ossequio al quadro normativo vigente.La struttura ospita rifiuti non pericolosi, tra i quali fanghi prodotti dagli impianti di depurazione di diversi comuni e scarti irrecuperabili della raccolta differenziata. Ecco perché i teoremi fumosi di Legambiente, intrisi di ignoranza mista a malafede, culminano nella speculazione di interessi ben definiti, che nulla hanno a che vedere con la Bieco.

L’associazione ambientalista farebbe bene invece a concentrare i propri sforzi a una campagna di sensibilizzazione protesa a mantenere le città, i fiumi ed i torrenti puliti, al fine di rispondere alle vocazioni naturali del territorio che guardano al turismo e all’agricoltura. Questo risultato lo si può raggiungere solo mediante un corretto smaltimento dei rifiuti.
Bieco Srl - società proprietaria della discarica Pipino di Scala Coeli

UFFICIO COMUNICAZIONE - BIECO SRL      

 

Stampa Email

Aggiungi commento

Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito:
I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati
VERRA' PUBBLICATO UN SOLO COMMENTO PER IP


Codice di sicurezza
Aggiorna