Nella giornata di ieri  i militari del Nucleo Operativo e Radiomobile hanno eseguito d’iniziativa una perquisizione domiciliare presso un’abitazione sita in Schiavonea ed appartenente ad un noto pregiudicato. All’interno, però vi era la sola presenza della sorella e della madre del soggetto, le quali venivano rese edotte del motivo dell’intervento dei militari.

 Quindi si dava inizio alla perquisizione locale che da subito sortiva esito positivo, poiché all’interno del portafogli della sorella del pregiudicato si rinveniva una banconota da 20 euro palesemente contraffatta. Nel frattempo, avvisato dai congiunti, sopraggiungeva l’uomo, M.A., coriglianese di 30 anni con diversi precedenti per stupefacenti. Lo stesso arrivava con una grande berlina tedesca, dotata di targa prova. Questo particolare destava il sospetto dei militari che estendevano la perquisizione anche al veicolo. Tale mossa dava subito i suoi frutti, poiché celata nel parasole lato guidatore, in un ferma carte vi era la presenza di una banconota da 50 euro, che a prima vista sembrava esattamente autentica, ma che successivamente, ad un occhio esperto, rivelava la sua matrice contraffatta. Dopo aver concluso la perquisizione nell’abitazione e sulla base degli elementi accertati l’uomo e la donna venivano portati in caserma, mentre il denaro sequestrato. Le due banconote rinvenute venivano sottoposte ad accertamenti tecnici più minuziosi con apposito macchinario in dotazione al Reparto per risaltare le “fibrille luminescenti” e l’eventuale presenza della filigrana, dopo i quali si appurava senza ombra di dubbio la loro contraffazione. Per tali motivi e d’intesa con la Procura della Repubblica di Castrovillari, coordinata dal Dott. Eugenio Facciolla, la donna, incensurata, veniva denunciata a piede libero per detenzione di monete false, mentre il fratello, visti anche i precedenti e la taglia più grossa della banconota, veniva tratto in arresto per detenzione e spendita di monete contraffatte. Lo stesso è stato posto agli arresti domiciliari presso la sua abitazione ed è comparso stamattina dinanzi al tribunale di Castrovillari dove,  assistito dai suoi difensori Antonio Pucci e Maria Sammarro, sarà giudicato con rito direttissimo promosso dal pm dott.ssa Valentina Draetta.

 


Aggiungi commento

Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito:
I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati
VERRA' PUBBLICATO UN SOLO COMMENTO PER IP


Codice di sicurezza
Aggiorna

INVIA ARTICOLO

redazione@sibarinet.it

 

Crediti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro uso violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’amministratore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L’amministratore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’amministratore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Ogni forma di collaborazione si intende offerta e fornita a titolo gratuito.

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo