Il Tdl di Catanzaro accoglie l’istanza di riesame proposta dalla difesa
CORIGLIANO - Il Tribunale della Libertà di Catanzaro, in totale accoglimento delle tesi difensive degli avvocati Francesco Nicoletti, Giovanni Bruno e Giusy Acri, ha disposto l’immediata liberazione dei pluripregiudicati M.G. (38 anni), Z.E.G. (45 anni) e F.D. (30 anni), quest’ultimo ritenuto appartenente alla “Sacra Corona Unita”, tutti accusati a vario titolo di lesioni aggravate e resistenza aggravata a pubblico ufficiale.

I FATTI La vicenda risale allo scorso 20 ottobre quando, alle ore 3.15 circa, una pattuglia dei Carabinieri nota nei pressi di un Istituto di Credito in contrada Cantinella di Corigliano Calabro, un’autovettura parcheggiata con i fari spenti a bordo della carreggiata.

I militari, insospettiti, decidono di avvicinarsi all’auto e notano tre persone salire velocemente all’interno del mezzo, occupando i sedili posteriori. L’auto, quindi, parte ad elevata velocità in direzione di Corigliano Calabro. Ne scaturisce un inseguimento all’esito del quale i Carabinieri riescono a bloccare l’auto sospetta dalla quale scendono i sei occupanti che aggrediscono i militari. Ad un carabiniere viene poi refertato il distacco del malleolo peronale. I militari riescono a porre fine all’aggressione solo dopo aver estratto le pistole in dotazione dalla fondina e aver intimato agli aggressori, ad alta voce, di fermarsi. Nel frattempo, viene richiesto l’ausilio di ulteriore personale e sul posto giungono, intorno alle ore 3.30, militari della Guardia di Finanza di Corigliano Calabro. A questo punto si procede ad una sommaria ispezione personale e veicolare all’esito della quale, all’interno della vettura, i militari rinvengono materiale atto allo scasso e, nello specifico: guanti, tuta cerata, berretto, cinque radio portatili, un cellulare di cui nessuno dei sei riconosce la proprietà, un martello sfondavetro, quattro lampade a led e un piede di porco.

Per i sei scatta quindi l’arresto e, su disposizione della Procura della Repubblica, vengono tutti portati presso il carcere di Castrovillari.

IL PROCESSO La stessa Procura chiede il giudizio per direttissima nel corso del quale il PM formula richiesta di custodia cautelare in carcere per tutti gli indagati. Il Tribunale di Castrovillari, all’esito della camera di consiglio, in accoglimento delle richieste della difesa, dispone la remissione in libertà per tre indagati, mentre per gli altri tre dispone la custodia cautelare in carcere.

IL RICORSO AL TDL Avverso tale ordinanza applicativa della massima misura custodiale gli avvocati Francesco Nicoletti, Giovanni Bruno e Giusy Acri propongono istanza di riesame ed il Tribunale della Libertà di Catanzaro, condividendo in toto le argomentazioni difensive, supportate da memorie scritte e produzioni documentali, dispone l’immediata remissione in libertà anche degli altri tre indagati. Per tutti residuano obblighi di presentazione alla P.G. e di dimora.

Informazione e Comunicazione 

 


Commenti   

+2 #4 Italo 2017-11-05 22:55
Italia: premio Nobel per la vergogna.
Citazione
+6 #3 silvio 2017-11-04 22:06
Poveri Carabinieri, povera italia, poveri noi!
Citazione
+13 #2 Akim 2017-11-04 18:52
Magistiratura marcia. Ormai in carcere ci va solo un povvero pensionato se ruba nel supermercato x fame i delinquenti invece vengono subito rimessi in libertà e con mille scuse. Io mi metto nei panni delle Forze dell'ordine ordine sicuramente amareggiati e delusi da sentenze del genere. Povera Italia
Citazione
0 #1 Akim 2017-11-04 18:52
Ormai in carcere ci va solo un povvero pensionato se ruba nel supermercato x fame i delinquenti invece vengono subito rimessi in libertà e con mille scuse. Io mi metto nei panni delle Forze dell'ordine ordine sicuramente amareggiati e delusi da sentenze del genere. Povera Italia
Citazione

Aggiungi commento

Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito:
I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati
VERRA' PUBBLICATO UN SOLO COMMENTO PER IP


Codice di sicurezza
Aggiorna

INVIA ARTICOLO

redazione@sibarinet.it

Crediti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro uso violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’amministratore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L’amministratore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’amministratore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Ogni forma di collaborazione si intende offerta e fornita a titolo gratuito.

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo