• Home
  • Notizie
  • Cronaca
  • Liberati in natura uccelli rapaci curati al CRAS, con l’ausilio della Polizia Provinciale

Liberati in natura uccelli rapaci curati al CRAS, con l’ausilio della Polizia Provinciale

Presente all’evento il Consigliere provinciale delegato all’Ambiente, Francesco Gervasi
Hanno nuovamente spiccato il volo, dopo essere stati soccorsi dal CIPR (Centro Italiano Protezione Rapaci) e curati presso l’annesso Centro Recupero Animali Selvatici (CRAS), due esemplari di Allocco, un Barbagianni, alcuni Assioli e una Civetta.

La liberazione è avvenuta giovedì 27 luglio scorso alle ore 20:00 in prima battuta presso l’area SIC “Bosco di Mavigliano” sita nel Comune di Montalto Uffugo, dove all’imbrunire sono stati liberati i due Allocchi e il Barbagianni, per poi proseguire con la liberazione in notturna degli Assioli e della Civetta presso la sede del Cipr, sita in C.da Lacone di Rende e di proprietà della Provincia di Cosenza.
Erano presenti per il CIPR il Presidente Mauro Tripepi e i volontari Antonio Iantorno, Daria Stepancich e Mattia Di Benedetto; gli agenti del Corpo di Polizia Provinciale; il Consigliere provinciale delegato all’Ambiente, Francesco Gervasi; il Presidente del Parco Nazionale della Sila, Sonia Ferrari e il Direttore f.f. Giuseppe Luzzi.
Il CIPR, con l’annesso CRAS, è una realtà importante del territorio provinciale per il soccorso agli animali selvatici feriti e in difficoltà e rappresenta il punto di riferimento più significativo della Calabria per la cura di centinaia di animali di ogni specie, tra cui soprattutto uccelli rapaci.
E’ dal 1987 che tra la Provincia di Cosenza ed il CIPR esiste un rapporto di collaborazione per la cura, la riabilitazione e la reimmissione in natura della fauna selvatica e per le attività di educazione ambientale.
Presso il CIPR, infatti, opera anche il CRUA (Centro di Recupero Uccelli Acquatici) che, grazie ad una importante opera di pulizia e restauro ambientale di una porzione di area semi-naturale della Provincia, è riuscito a ricreare un piccolo stagno che è oggi meta per molte specie di uccelli acquatici e dà la possibilità ai migratori di stanziare durante gli spostamenti stagionali. 

 

Stampa Email

Commenti   

0 #1 Gianni 2017-08-01 02:53
Santa Polizia Provinciale... il corpo più utile... depotenziato da scellerate, confuse e inutili pseudo-riforme governative.
Citazione

Aggiungi commento

Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito:
I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati
VERRA' PUBBLICATO UN SOLO COMMENTO PER IP


Codice di sicurezza
Aggiorna