Corigliano | Appalti: imprenditore querela consigliere comunale

Non si placa affatto - anzi - il clima di sospetti e di veleni accesosi all’interno della sede municipale di Corigliano Calabro. Un clima accentuatosi ancor più dopo l’arrivo della Commissione d’accesso nominata dal prefetto di Cosenza Gianfranco Tomao, cui dallo scorso 7 marzo è affidato il compito d’accertare eventuali nuove infiltrazioni di tipo mafioso nella gestione amministrativa del Comune dopo quelle già accertate nel 2011 che provocarono lo scioglimento degli organi elettivi dell'ente da parte dell'allora Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano

LEGGI ARTICOLO COMPLETO

Stampa Email

Aggiungi commento

Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito:
I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati
VERRA' PUBBLICATO UN SOLO COMMENTO PER IP


Codice di sicurezza
Aggiorna