Editoriale| Piena del Raganello: una tragedia annunciata


Piena del Raganello: una tragedia annunciata che deve servire da monito a tutti. A quanti rivestono ruoli di responsabilità e operano con superficialità e con pressapochismo ed a quanti, loro malgrado, si avventurano, per mare e per terra, in imprese troppo ardite sottovalutando i rischi e le insidie della natura. C’è infatti un tempo per piangere doverosamente i morti e per rispettare il cordoglio dei loro familiari e 11 morti e una quindicina di feriti più o meno gravi sono davvero tanti, ma c’è anche un tempo per riflettere sulle ragioni che hanno causato questa autentica tragedia. 

Stampa Email

L'ultimo post di Antonio De Rasis


CERCHIARA DI CALABRIA - Antonio De Rasis, 32 anni di Cerchiara di Calabria, è tra le 10 vittime della strage del torrente Raganello a Civita. Guida esperta, Volontario del Soccorso Alpino e della Protezione Civile e tra i soccorritori della tragedia di Rigopiano in Abruzzo: “Un ragazzo solare, propositivo, pieno di vita”. Questo il suo ultimo post su Facebook.

Stampa Email

Tragedia del Raganello: la Confraternita Misericordia di Trebisacce sempre in prima linea


TREBISACCE - Tragedia del Raganello: la Confraternita Misericordia di Trebisacce, subito allertata dalla Protezione Civile Regionale, è stata presente sin dal primo minuto sul campo contribuendo al recupero delle vittime e alle operazioni di salvataggio e di messa in sicurezza dei feriti. 

Stampa Email

Cordoglio dei Sindaci per le vittime di Civita

Nelle scorse ore il territorio dell’Alto Ionio e del Pollino è stato colpito da una terribile tragedia che ha visto la scomparsa di alcuni turisti e di una guida delle Gole del Raganello, originario di Cerchiara di Calabria, il giovane Antonio De Rasis, che spesso è stato protagonista partecipe di tanti interventi di salvataggio proprio lì dove nella giornata di ieri, una fatalità l’ha sottratto all’affetto dei suoi cari. 

Stampa Email

Il Festival si ferma in segno di lutto per la tragedia che ha colpito Civita e tutto il Pollino

CASTROVILLARI - Dinanzi ad una tragedia di questa portata non ci sono parole per esprimere lo sgomento che si prova. Non possiamo che unirci in un doveroso silenzio alle famiglie delle vittime ed ai loro cari e a tutta la comunità di Civita e di tutta l’area del Pollino a cui manifestiamo la vicinanza e solidarietà della nostra associazione. 

Stampa Email